Catore Alghero DOC Torbato 2017Sella e Mosca

26,00€ 21,90€Prezzo web

  • Tipologia

    Vino Bianco

  • Origine

    Alghero (SS)

  • Formato

    750 ml

  • Abbinamenti

    Crostacei, Formaggi Freschi, Funghi, Pesce, Primi Piatti con Verdure, Primi Piatti di Mare

Caratteristiche

  • Nome completo

    Catore Alghero DOC Torbato 2017 - Sella e Mosca

  • Uvaggio

    Torbato

  • Gradazione

    13,5%

  • Temperatura di servizio

    12-14 °C

Descrizione e abbinamenti

Catore è una delle quattro nuove etichette di Sella & Mosca, un Alghero DOC Torbato. L’esigenza di questa nuova versione di torbato ferma, che va ad accostarsi al Terre Bianche ed al Terre Bianche Cuvée 161, nasce dall’individuazione di una parte di vigneto insistente su un suolo più ricco di calcare rispetto al resto delle tenute, capace di conferire alle uve salinità e freschezza e quindi di produrre uve di maggiore qualità. L’etichetta di Catore, come quella di Oscarì, Ambat e Mustazzo, è frutto della collaborazione tra Sella & Mosca e una delle più grande firme della moda in Sardegna, lo stilista Antonio Marras. Il nome è un omaggio al personaggio rappresentato in etichetta, un pugile nato a Villanova il cui soprannome deriva dalla crasi tra il nome di Cassius Clay e Tore Burroni, pugile algherese che tra il 1965 ed il 1966 fu campione del mondo pesi mosca.

Catore nasce da vigneti allevati a cordone speronato, con una densità d’impianto di quattromila ceppi per ettaro ed una resa inferiore ai novanta quintali. Le uve sono raccolte a mano nella prima decade di Ottobre. Una volta trasportate in cantina, sono sottoposte a diraspapigiatura e macerazione a freddo di ventiquattro ore, per consentire una maggiore estrazione delle sostanze aromatiche e polifenoliche dalle bucce, pressatura soffice e fermentazione del mosto in acciaio alla temperatura controllata di 18°C. Tali pratiche enologiche sono volte ad esaltare al massimo le caratteristiche varietali di questo vitigno, il torbato. Una piccola parte del mosto, inoltre, continua la fermentazione con le bucce per cento giorni, ed un’altra piccola parte fermenta invece in barrique nuove di rovere francese, per incrementare la propria struttura e complessità gusto-olfattiva. Una volta completata la vinificazione vera e propria, le masse vengono unite e il vino prosegue l’affinamento prima in acciaio e poi in bottiglia, prima della messa in commercio.

Catore brilla nel calice giallo paglierino compatto ed intenso, quasi dorato.

Al naso regala sensazioni intense ed inusuali di macchia mediterranea, di elicriso, di pera e camomilla.

In bocca Catore palesa un carattere energico e una grande personalità – un indole da pugile ci verrebbe quasi da pensare – con decisa struttura, grande mineralità e freschezza e un aroma avvolgente, intenso e persistente.

Catore è un bianco importante, capace di regalare grande emozioni se fatto affinare in cantina, che a tavola si presta ad accompagnare piatti decisi e strutturati. Si potrebbe pensare alla rana pescatrice in salsa di zafferano e limone, ad esempio, o ad un accostamento con su succu a sa busachesa, tipica ricetta dell’alto oristanese di difficile abbinamento che consta in una pasta affine al tonnarello cotto nel brodo di pecora e condita con formaggio pecorino acido e zafferano.

Sella e Mosca

Costruite nel 1903, nulla hanno perso dell’antico fascino. Qui avviene oggi l’invecchiamento dei rossi importanti, nelle tradizionali botti di pregiato rovere di Slavonia e in barriques di Allier, Nevers e Tronçais. Adiacente alla cantina storica si trova l’edificio dedicato al Marchese Emanuele Pes di Villamarina (1773-1852) ed al suo nobile casato sardo, originario della Gallura e proprietario di numerosi immobili ed attività in Sardegna, fra cui la tonnara dell’Isola Piana (Carloforte).

Approfondisci