Karel Monica di Sardegna DOC 2016Ferruccio Deiana

14,00€ 10,90€Prezzo web

  • Tipologia

    Vino Rosso

  • Origine

    Settimo San Pietro (CA)

  • Formato

    750 ml

  • Abbinamenti

    Antipasti di Terra, Carni Bianche, Formaggi Freschi, Pizze e Calzoni, Pollame, Primi Piatti di Terra, Torte Salate, Vellutate, Zuppe e Minestre

Caratteristiche

  • Nome completo

    Karel Monica di Sardegna DOC 2016 - Ferruccio Deiana

  • Uvaggio

    Monica

  • Gradazione

    13,5%

  • Temperatura di servizio

    14-16 °C

Descrizione e abbinamenti

Karel è il Monica di Sardegna DOC dell’azienda vitivinicola Ferruccio Deiana, un rosso ottenuto esclusivamente da uve monica, cultivar risalente probabilmente all’arrivo dei monaci di rito cattolico in Sardegna intorno all’anno Mille, caratteristica della provincia di Cagliari che ultimamente, grazie anche a prodotti di grande qualità come Monica Audarya o Iselis Rosso, sta ricevendo sempre maggiore attenzione da parte del mercato.

Karel nasce da un vigneto di due ettari con impianto a guyot in località Su Leunaxi, nelle campagne di Settimo San Pietro, esposto a nord-est e contraddistinto da un suolo pietroso e calcareo, caratteristica questa particolarmente adatta per la produzione di questa tipologia. Il clima in questa parte della provincia di Cagliari è particolarmente mite, con estati soleggiate e siccitose e inverni miti e poco piovosi, e le escursioni termiche non sono particolarmente elevate; i vigneti però beneficiano dei forti venti di maestrale che soffiano costanti durante tutto l’anno, contribuendo a preservare la salute delle piante, e delle brezze che spirano dal mare cariche di sale. A differenza da quanto per altre analoghe etichette, che prediligono una struttura maggiore e maggiore morbidezza a scapito dell’acidità, Ferruccio Deiana ha scelto per il suo vino uno stile antico, basato sulla freschezza e sull’agilità di beva: la vendemmia viene attuata a perfetta maturazione delle uve, all’inizio di Ottobre, quando perfetto è l’equilibrio tra zuccheri e acidi. Le uve, raccolte manualmente, vengono rapidamente trasportate in cantina e qui sottoposte a diraspatura e pigiatura soffice, con macerazione delle bucce nel mosto per otto giorni alla temperatura controllata di 25°C e rimontaggi ogni sei ore. Una volta ultimata la vinificazione vera e propria, Karel matura in contenitori di acciaio inox per circa sei mesi, sempre a temperatura controllata, al fine di preservare e potenziare le proprie doti di freschezza e pienezza aromatica, prima dell’afinamento finale in bottiglia e della messa in commercio.

Karel riluce nel calice rosso rubino vivace e traslucido, roteando con una certa facilità.

Al naso regala sensazioni di frutta fresca e croccante come ciliegie, ribes rosso e melagrana, note vinose e di roselline di rovo e ricordi accennati di erbe aromatiche come la mentuccia.

In bocca Karel è un rosso di grande freschezza e facilità di beva, contraddistinto da una buona mineralità, corpo agile e moderata morbidezza, e una grande espressione di aromi.

Karel è un vino che all’aperitivo può accompagnare un tagliere di formaggi freschi e grassi come provola – anche affumicata – e Asiago DOP, e salumi grassi e speziati come la testa in cassetta, il salame felino e quello d’oca. A tavola farà bella mostra di sé con un piatto fumante di tagliatelle al ragoût alla bolognese, braciole di maiale ai ferri o rösti di patate al pepe nero.

La scheda del produttore non è ancora disponibile.