Seu IGT Valle del Tirso Rosato 2015Cantina Sociale della Vernaccia di Oristano

Prezzo web

  • Tipologia

    Vino Rosato

  • Origine

    Oristano (OR)

  • Formato

    750 ml

  • Abbinamenti

    Antipasti di Terra, Aperitivo, Formaggi Freschi, Molluschi, Pesce, Pizze e Calzoni, Primi Piatti con Verdure, Primi Piatti di Mare, Torte Salate, Uova e Frittate, Vellutate, Zuppe e Minestre

Caratteristiche

  • Nome completo

    Seu IGT Valle del Tirso Rosato 2015 - Cantina Sociale della Vernaccia di Oristano

  • Uvaggio

    Nieddera

  • Gradazione

    13%

  • Temperatura di servizio

    8-10 °C

Descrizione e abbinamenti

Seu IGT Valle del Tirso Nieddera Rosato è il rosato della Cantina Sociale della Vernaccia di Oristano, prodotto da questa antica cultivar, il nieddera, il cui nome deriva dall’importante carica cromatica (niedda in sardo significa “nera“) e la cui diffusione si limita alla bassa valle del Tirso, là dove i terreni sono sabbiosi e ricchi delle argille limose lasciate dalle piene del fiume nel corso dei secoli.

Si presenta nel bicchiere con un bel rosa cerasuolo, molto vivo. Al naso presenta profumi freschi e fragranti di piccoli boccioli rosa, di frutta come le fragoline, i lamponi e le prime ciliegine, e qualche sfumatura erbacea.

In bocca è fresco e sapido, di media struttura, piacevolissimo negli aromi che indugiano in bocca.

Da provare con l’orata al cartoccio alle fragranze mediterranee o con i calamari scottati sulla graticola!

Cantina Sociale della Vernaccia di Oristano

Nata nel 1953, la Cantina Sociale della Vernaccia di Oristano è la principale cooperativa dell’oristanese, che riunisce la gran parte dei produttori arborensi. Il territorio in cui si operano i conferitori è quello del Sinis e della bassa valle del Tirso: i vigneti si estendono dunque dai terreni sabbiosi ricchi di sali più vicini alle coste del Sinis, rinfrescati dallebrezze cariche di aromi marini che spirano dal Golfo di Oristano, a quelli più interni fertili per gli straripamenti del Tirso ripetutisi sino a pochi decenni fa, caratterizzati da limi e argille miste a frazioni sabbiose. Protagonisti di questa zona sono due vitigni autoctoni, il Vernaccia e il Nieddera.  

Approfondisci