Arenada Monica di Sardegna DOC 2016Cantina Sociale di Dolianova

9,00€ 7,70€Prezzo web

  • Tipologia

    Vino Rosso

  • Origine

    Dolianova

  • Formato

    750 ml

  • Abbinamenti

    Antipasti di Terra, Carni Bianche, Formaggi Freschi, Funghi, Pizze e Calzoni, Pollame, Primi Piatti di Terra, Uova e Frittate, Vellutate, Zuppe e Minestre

Caratteristiche

  • Nome completo

    Arenada Monica di Sardegna DOC 2016 - Cantina Sociale di Dolianova

  • Uvaggio

    Monica

  • Gradazione

    14%

  • Temperatura di servizio

    14-16 °C

Descrizione e abbinamenti

Arenada è il Monica di Sardegna DOC della Cantina Sociale di Dolianova, riservato, insieme a Perlas, Prendas, Rosada ed Anzenas alla piccola distribuzione, ai wine-bar ed ai ristoranti: un rosso fresco e beverino, ottenuto dall’omonimo vitigno tipico del meridione sardo e da una piccola percentuale di altre uve autoctone a bacca rossa, capaci di dare struttura e carattere. In lingua sarda, arenada è il nome della melagrana, frutto il cui aroma ritorna spesso nei riconoscimenti olfattivi di questo genere di vini.

Arenada nasce dai vigneti dei soci conferitori della cantina sociale, situati nel territorio circostante e quello dei comuni limitrofi – Serdiana ed Ussana in primisallevati per lo più a controspalliera. Il territorio a nord di Cagliari è particolarmente adatto alla viticoltura – come già intuirono gli ordini monastici orientali e benedettini che qui si insediarono e diedero avvio alle colture – per via del suolo ricco di argille calcaree, capace di donare vini ricchi di mineralità e freschezza, finezza e longevità. Le uve, una volta giunte al giusto grado di maturazione, sono rapidamente trasportate in cantina e qui sottoposte a diraspapigiatura e fermentazione alcolica mediante inoculo di lieviti selezionati, in contenitori di acciaio inox alla temperatura controllata di 26°C, per circa otto – dieci giorni. Dopo la svinatura, Arenada viene trasferito in vasche di cemento vetrificato e qui matura per alcuni mesi, subendo anche la fermentazione malolattica – capace di conferire al vino maggiore morbidezza. Si ha quindi l’affinamento finale in bottiglia prima della messa in commercio.

Arenada appare nel calice come una gemma rosso rubino traslucida al passaggio della luce, dai riflessi marcatamente violacei, scorrevole alla roteazione.

Al naso regala sensazioni fresche e fragranti di fiori rossi, ciclamino, melagrana e ciliegie croccanti, gelatina di ribes rosso, note vinose di mosto freschissimo e qualche sensazione verde di menta e bosso.

In bocca Arenada è un rosso dalla beva agile, fresco e minerale, ammorbidito da una buona dotazione glicerica e dallo spessore alcolico, dagli aromi fragranti di buona intensità e persistenza.

Arenada è un rosso che si presta assai bene ad accompagnare pranzi e cene in maniera versatile: rosso principe per i primi piatti – risotto alla milanese con l’ossobuco, parmigiana di melanzane, fettuccine al ragù – si accosta a secondi di terra non troppo strutturati – wurstell con le cipolle e braciole di maiale alla griglia – ma anche di mare – trancio di tonno alla piastra e perché no, muggini arrosto – piatti in umido come la vellutata di cavolo nero o la zuppa di patate e fagioli azuki, torte salate e pizza alle melanzane o pizza con salsiccia sarda, olive e pecorino.

La scheda del produttore non è ancora disponibile.