Lugherra IGT Isola dei Nuraghi Rosso 2019Chessa

29,90Prezzo web

  • Tipologia

    Vino Rosso

  • Origine

    Usini (SS)

  • Formato

    750 ml

  • Abbinamenti

    Cacciagione da Pelo, Cacciagione da Piuma, Carni Rosse, Formaggi Stagionati, Primi Piatti al Tartufo, Primi Piatti di Terra, Secondi al Tartufo

Caratteristiche

  • Nome completo

    Lugherra IGT Isola dei Nuraghi Rosso 2019 - Chessa

  • Uvaggio

    Uve autoctone a bacca rossa

  • Gradazione

    14,5%

  • Temperatura di servizio

    18-20 °C

Descrizione e abbinamenti

Lugherra è il rosso di punta della cantina Chessa, un IGT Isola dei Nuraghi ottenuto da un blend di cagnulari ed un altro autoctono a bacca rossa e maturato in legni di pregio: un vino elegante e strutturato, vanto dell’enologia di questa parte di Sardegna!

Lugherra nasce da vigneti di venticinque anni di età circa, allevati a spalliera bassa e con rese inferiori agli ottanta quintali per ettaro. Questi vigneti posano a 250 metri sul livello del mare circa su terreni di natura calcarea – aspetto tipico del Coros – capaci di conferire ai vini mineralità, finezza e longevità, e beneficiano di buone escursioni termiche tra le giornate assolate e le fresche notti, perfette per fissare gli aromi nelle bucce. Le uve sono raccolte manualmente in due momenti diversi, seguendo i tempi di maturazione delle cultivar: trasportate in cantina, sono sottoposte a vinificazione in rosso con diraspapigiatura e macerazione delle vinacce nel mosto che può protrarsi dai dodici ai diciotto giorni. Ultimata la fermentazione alcolica, le masse maturano separatamente parte in contenitori di acciaio inox e il 30% in tonneaux di rovere francese di media tostatura, per sei mesi. Unite le masse, Lugherra affina in bottiglia ancora qualche mese prima della messa in commercio.

Lugherra ruota opulento nel calice, e mostra tonalità rosso rubino tendenti al violaceo, vive e dense, tipiche del vitigno cagnulari.

Al naso regala sensazioni intense e complesse che vanno dal succo di mirtillo e la confettura di more alle note tostate di tabacco e noce moscata, arricchite da sfumature balsamiche di menta e macchia mediterranea e da ricordi di vaniglia, di inchiostro e di fiori appassiti.

In bocca Lugherra è un rosso equilibrato, sapido e fresco ma allo stesso tempo morbido e caldo, dai tannini ben levigati, il sorso pieno di buona intensità e persistenza aromatica.

Lugherra è un rosso nobile e complesso che a tavola richiede piatti strutturati e dal gusto deciso: secondi di carne come il filetto alla Voronoff, ad esempio, o come il carré di agnello al timo e lardo di colonnata!