Lugore Vermentino di Sardegna DOC 2018Sardus Pater

15,00 11,50Prezzo web

  • Tipologia

    Vino Bianco

  • Origine

    Sant'Antioco (CI)

  • Formato

    750 ml

  • Abbinamenti

    Antipasti di Mare, Aperitivo, Crostacei, Frutti di Mare, Molluschi, Pesce, Primi Piatti con Verdure, Primi Piatti di Mare, Uova e Frittate, Vellutate, Zuppe e Minestre, Verdure e Insalate

Caratteristiche

  • Nome completo

    Lugore Vermentino di Sardegna DOC 2018 - Sardus Pater

  • Uvaggio

    Vermentino

  • Gradazione

    13,5%

  • Temperatura di servizio

    10-12 °C

Descrizione e abbinamenti

Lugore è il Vermentino di Sardegna DOC più pregiato della cantina Sardus Pater: un bianco ottenuto esclusivamente da uve vermentino prodotte nell’isola di Sant’Antioco, contraddistinto per questo da una grandissima mineralità, come altri bianchi di questo territorio: Ventou de Ma di Utabarka, ad esempio. Il nome, “lugore”, nella cultura sarda raffigura la notte primaverile, illuminata dalla luna piena e senza vento: durante queste notti in passato si davano i trattamenti antioidici alla vite, e lo zolfo che si depositava sulle foglie diveniva quasi fosforescente, rilettendo il pallido lucore lunare.

I vigneti da cui nasce Lugore sono composti da viti di una quindicina di anni di età allevate a spalliera con densità di cinquemila piante per ettaro e rese inferiori ai settanta quintali. Si tratta di vigne sul livello del mare che insistono su terreni sabbiosi da disfacimenti trachitico, un suolo quindi non particolarmente acido ma ricco di minerali e per questo capace di conferire ai vini sapidità, eleganza e longevità: le buone escursioni termiche tra il giorno e la notte contribuiscono alla resa aromatica delle uve, e i venti che qui soffiano costanti tengono lontane le malattie. La vendemmia si tiene tra la fine di Agosto e l’inizio di Settembre, al fine di assicurare agli acini una buona dotazione in acidi; raccolti a mano e rapidamente trasportati in cantina, e sono sottoposte a pressatura soffice: al fine di conferire al vino maggiore ricchezza, il mosto è sottoposto a macerazione a freddo delle bucce alla temperatura di 8° C per dieci ore. La fermentazione alcolica prosegue in contenitori di acciaio inox, sempre a temperatura controllata. Una volta conclusa questa fase, Lugore matura in acciaio per qualche mese, prima dell’affinamento finale in bottiglia.

Lugore appare nel calice giallo paglierino luminoso e vivace, animati da riflessi verdolini che anticipano al degustatore attento le sue piacevoli durezze.

Al naso regala profumi discreti e fini di fiori bianchi come il tiglio ed il caprifoglio, frutta bianca come pesca saturnina e mela renetta, erbe aromatiche come la maggiorana.

In bocca Lugore è un bianco fresco ma soprattutto sapido, dal sorso agile e gli aromi fini e persistenti.

Lugore è un bianco piacevole e fine, che si presta bene ad accompagnare un aperitivo a base di fette di pane tostato con un buon burro e delle acciughe di qualità dissalate, come quelle che si producono a Sant’Antioco. A tavola lo accosteremo a delle linguine con pesce spada e limone, con il rombo gratinato con contorno di verdure al vapore, a un pasticcio di cavolfiore gratinato al parmigiano.

La scheda del produttore non è ancora disponibile.