Passito Moscato di Sardegna DOC 2015Cantina Sociale di Dolianova

23,50Prezzo web

  • Tipologia

    Vino Dolce

  • Origine

    Dolianova

  • Formato

    375 ml

  • Abbinamenti

    Dolci di Frutta Secca, Fine Pasto, Formaggi a Crosta Fiorita, Formaggi Erborinati, Formaggi Stagionati, Torte e Piccola Pasticceria

Caratteristiche

  • Nome completo

    Passito Moscato di Sardegna DOC 2015 - Cantina Sociale di Dolianova

  • Uvaggio

    Moscato

  • Gradazione

    14,5%

  • Temperatura di servizio

    10-12 °C

Descrizione e abbinamenti

Passito è la proposta dolce di alta qualità della Cantina Sociale di Dolianova, un Moscato di Sardegna DOC che già dal colore preannuncia un vino opulento, vellutato e di grande persistenza. Il meridione sardo è storicamente vocato alla produzione di grandi vini da dessert: dal nasco al girò, passando al moscato, la malvasia e l’ormai scomparso Monica di Cagliari DOC, il cagliaritano grazie ai suoi suoli ricchi di calcare e la vicinanza col mare vanta una gamma di vini dolci da non temere il confronto con altre zone dell’isola, come Bosa o Sorso, e all’inizio del Novecento raccoglieva premi su premi ai grandi concorsi internazionali per la qualità dei propri vini. Passito è il massimo contributo della cooperativa dolianese al mantenimento e la prosecuzione di questa grande tradizione.

Passito nasce dai vigneti più meridionali dei soci conferitori, quelli che dalle piane calcaree e marnose del cagliaritano guardano al mare africano, e che si pasciono dunque sia della grande mineralità dei suoli, sia delle brezze fresche e ricche di sale che spirano dai flutti. Ottenuto esclusivamente da uve moscato – il disciplinare è assai rigido in materia! – i sui acini sono raccolti in fase di surmaturazione, quando più ricca è la componente zuccherina ma soprattutto quella aromatica. Raccolte rigorosamente a mano e trasportate in cantina, le uve sono selezionate e avviate a diraspapigiatura: il mosto viene tenuto inizialmente a contatto con le bucce, per dodici ore di macerazione a freddo, in contenitori di acciaio inox, e dopo avviato a pressatura soffice. Il mosto fiore, una volta fatto decantare, viene inoculato con lieviti selezionati e avviato a fermentazione alcolica.

Passito trasluce di brillantezza nel calice, con la sua massa oro antico che fa quasi pensare ad una pietra preziosa, dai riflessi ambra, e che scorre opulenta.

Al naso regala finezza, intensità e complessità: le note aromatiche del moscato, di confettura di albicocca, ananas caramellato e salvia, sono arricchite dalle sfumature dei fiori di acacia e fresia appassiti, dei canditi di cedro e d’arancia, della noce moscata, del pinolo e della vaniglia.

In bocca Passito offre un sorso compatto, quasi masticabile per la grande consistenza, morbido e dolce, caldo di alcool, rinfrancato da una lieve freschezza ma soprattutto da una sapidità marina, e aromi fini, lunghi e di grande intensità.

Passito è un grande vino da meditazione, capace di accostarsi sia ai grandi formaggi, sia ai dolci. Da provare con gli erborinati come l’Ovinforth o il Bleu d’Auvergne, con caci di grande stagionatura come il Fiore Sardo dei Pastori DOP e altri dal carattere più piccante come il Provolone Valpadana DOP, con dolci territoriali a base di frutta secca come la Torta Russa di Verona o speziati come lo Strudel di Mele, e con l’aranzada sarda, tipico dolce barbaricino realizzato con scorze d’arancia, miele e mandorle.

Cantina Sociale di Dolianova

Approfondisci