Tostoinu IGT Isola dei Nuraghi Bovale 2019Cantina Sociale della Vernaccia di Oristano

13,50Prezzo web

  • Tipologia

    Vino Rosso

  • Origine

    Oristano (OR)

  • Formato

    750 ml

  • Abbinamenti

    Antipasti di Terra, Formaggi Freschi, Pizze e Calzoni, Pollame, Primi Piatti di Terra, Uova e Frittate

Caratteristiche

  • Nome completo

    Tostoinu IGT Isola dei Nuraghi Bovale 2019 - Cantina Sociale della Vernaccia di Oristano

  • Uvaggio

    Bovale Grosso

  • Gradazione

    13,5%

  • Temperatura di servizio

    14-16 °C

Descrizione e abbinamenti

Tostoinu è l’ultima etichetta prodotta dalla Cantina Sociale della Vernaccia di Oristano, un IGT Isola dei Nuraghi Bovale: un rosso quindi che va a confermare il trend di successo di questo vitigno, il bovale grosso, tipico del Campidano, portato all’attenzione dell’enologia nazionale da vini come Korem, Su Nico o Cavaliere Sardo. Tostoinu in sardo significa “tartaruga”: si tratta di una specie assai presente nell’Oasi WWF di Seu, dove per giunta esiste un centro per il recupero della Caretta Caretta.

Tostoinu nasce da tre ettari di vigneti allevati parte ad alberello e parte a cordone speronato su suoli di natura sedimentaria, ad impasto sabbioso-argilloso. Alla raccolta delle uve segue la vinificazione in rosso, con dirapapigiatura e macerazione prefermentativa di cinque giorni; all’avvio della fermentazione alcolica le bucce continuano a sostare nel mosto per dieci giorni, ad una temperatura di 24°C, prima della sgrondatura. Una volta completata la fermentazione alcolica, Tostoinu matura per sei mesi in vasche di cemento, prima dell’affinamento finale in bottiglia.

Tostoinu nel calice rivela i tipici caratteri dei vini giovani ottenuti da uve bovale: un rosso intenso e vivace, rubino con riflessi violacei, scorrevole e piacevolissimo alla vista.

Al naso rivela sensazioni di frutti neri freschi e succosi, come ciliegia e mirtillo, ribes e mora, ricordi floreali di gladiolo e balsamici di mentuccia.

In bocca Tostoinu è un rosso dalla beva piena ma scorrevole, fresco e minerale, dal tannino intenso ma gentile, ammorbidito da una buona presenza glicerica e da un buon grado alcolico.

Tostoinu si rivela essere un perfetto vino da aperitivo, da accompagnare a taglieri di salumi freschi come la finocchiona e la salsiccia sarda, e formaggi grassi e di buona freschezza come Asiago DOP o certi Pecorino di Sardegna DOP semistagionati. A tavola si accompagna ad antipasti come la frittata di patate pancetta e piselli, a primi dal carattere deciso e di buona grassezza come la parmigiana di melanzane o con gli spaghetti con le polpette, e a secondi non troppo strutturati come il polpettone al forno o la spadellata di wurstel, cipollotti e patate.

Cantina Sociale della Vernaccia di Oristano

Nata nel 1953, la Cantina Sociale della Vernaccia di Oristano è la principale cooperativa dell’oristanese, che riunisce la gran parte dei produttori arborensi. Il territorio in cui si operano i conferitori è quello del Sinis e della bassa valle del Tirso: i vigneti si estendono dunque dai terreni sabbiosi ricchi di sali più vicini alle coste del Sinis, rinfrescati dallebrezze cariche di aromi marini che spirano dal Golfo di Oristano, a quelli più interni fertili per gli straripamenti del Tirso ripetutisi sino a pochi decenni fa, caratterizzati da limi e argille miste a frazioni sabbiose. Protagonisti di questa zona sono due vitigni autoctoni, il Vernaccia e il Nieddera.  

Approfondisci